IL SENTIERO DELLE BURRAIE - Andare a Zonzo

IL SENTIERO DELLE BURRAIE

Esperienza per grandi e piccini alla scoperta delle burraie, piccole “casette” nascoste nel bosco

Sentiero delle Burraie

Se state cercando un trekking in Toscana diverso dal solito, vi proponiamo un percorso trek a circa 20 km a nord di Firenze e più precisamente nel territorio di Santa Brigida.
Un sentiero unico nel suo genere, alla scoperta delle antiche burraie, tipiche costruzioni dell’architettura rurale del 1800 utilizzate per fare, lavorare e conservare il burro.

Sentiero delle Burraie

Questi luoghi erano infatti dedicati ad un economia di tipo rurale dove agricoltura ed allevamento erano le principali fonti di sopravvivenza. Le burraie sono piccole costruzioni di pietra situate nelle vicinanze di case coloniche nei pressi di sorgenti o corsi d’acqua.
L’acqua infatti era fondamentale per il funzionamento delle burraie. Al suo interno vi si trovano delle vasche nelle quali l’acqua affluiva costantemente e vi erano tenuti immersi i contenitori di latte.

Le casette disseminate nei boschi sembrano appartenere ad elfi e gnomi tanto sono piccole e nascoste nel verde. Sono parzialmente interrate e per questo la superficie esterna è ridotta.
Il locale era studiato in maniera tale da mantenere costantemente il fresco (mancanza di finestre, vi è solo un occhio come apertura).

Camminare alla scoperta delle burraie è facile. Il percorso è un anello di circa 16 Km, ma è possibile fare anche dei tratti più brevi, grazie ad una rete di sentieri che si intersecano tra loro e permettono con facilità di accorciare il percorso. La zona si trova tra Santa Brigida, la Valle dell’Inferno, Poggio Ripaghera e si estende per 800 ettari arrivando ad un’altitudine di oltre 900 mt.
E’ ricca di cedui di castagno, pini e roverelle, intervallati da scorci panoramici. Ma questo è anche il luogo del Cisto Laurino, arbusto sempreverde, la cui presenza in Italia è rimasta solo in questa zona.
Per questo motivo, una legge della Regione Toscana ne ha introdotto la tutela. E’ dunque vietato raccoglierlo o danneggiarlo.

Ma la bellezza di questo luogo ci sorprende ancora. Quasi al termine dell’anello, prima di ritornare al punto di partenza nell’abitato di Santa Brigida, arriviamo all’Oratorio Santuario Madonna del Sasso. Il Santuario è come avvolto dalla montagna ed ha una vista splendida sulle colline circostanti. Un luogo mistico, di pace, silenzio e preghiera.

Sentiero delle Burraie

Se volete allungare il percorso vi suggeriamo allora la visita delle burraie di Montesanario a soli 10 km circa di distanza dall’abitato di Santa Brigida. Potete raggiungerlo a piedi seguendo il sentiero 00 dopo aver superato la burraia di Caprile, oppure in auto da Santa Brigida passando per la località Olmo e proseguendo per Bivigliano – Montesenario.

Arriverete così a Montesenario, monte sovrastato dall’omonimo santuario risalente al secolo XIII del quale vi consigliamo una visita per i suoi tesori ed il suo panorama mozzafiato.

Poco prima di percorrere la via del silenzio, che conduce al santuario, troverete sulla destra un sentiero che vi condurrà alla ghiacciaia ed ad un altro anello alla scoperta delle burraie.
Il sentiero è stato inaugurato nel 2018 ed è lungo circa 6 km. E’ possibile visitare 4 burraie in questo percorso. Ma qui, oltre alle burraie sono visibili anche gli antichi bottini di acqua posti lungo l’antico acquedotto mediceo e, sicuramente di grande interesse, la ghiacciaia che si trova all’inizio del percorso.

Percorrendo questi luoghi il tempo rallenta.
Si è colpiti dal silenzio che qui regna sovrano. Esso viene interrotto solo dal suono delle campane del santuario che scandiscono ancora oggi le ore del giorno e della notte e ci ricordano che il tempo era suddiviso in lavoro e preghiera. La vita rurale seguiva i ritmi della natura, un patrimonio culturale che oggi sembra perduto ma che possiamo ancora rievocare grazie a queste testimonianze.

Scritto da Laura

Dal blog

ANDARE A ZONZO

L’agenzia di outdoor più grande della Toscana

Official partner

Torna su