Con questo prodotto guadagnerai:
400 Punti in Programma fedeltà

Cascate di confine

Escursione guidata alla cascata del Randaragna


In programmazione

Compila il form, così ti aggiorneremo sulle prossime date

    DESCRIZIONE

    Il torrente Randaragna, ha scavato nel corso di migliaia di anni le scarpate scoscese della montagna dando così origine ad un corso d’acqua impetuoso, e ricco di cascate. L’abbondanza di acqua in tutte le stagioni ne fece il luogo ideale in cui avviare attività di macinazione di cereali e castagne. Dalla quantità di acqua e umidità presente al suolo e ai piedi degli alberi ci si aspetterebbe una faggeta alpina, tuttavia la bassa altitudine sul livello del mare e il clima relativamente protetto creano le condizioni ideale per un’esplosione di felci, castagneti e, nei giardini, persino di gigantesche ortensie!

    Numerosi sono i mulini di pietra, che circondati da altrettante case, fienili ed edifici medievali legati alle attività rurali locali, sovrastano il piccolo canyon scavato nella roccia.

    Randaragna, o randa ragna, che in antico germanico, lingua dei longobardi di Pistoia che qui si insediarono per conquistare la Romagna bizantina significa territorio della regina. Questo nome ci rimanda immediatamente ad un’idea di ricchezza di acque e foreste. Dalle cime fredde e nevose del Corno alle Scale, infatti, scendono quei ruscelli e torrenti impetuosi che sono da sempre la base dell’economia delle comunità di montagna.

    A narrarci queste storie di questi mulini che sembrano giganti di pietra, e che sovrastano le limpide acque del torrente è Francesco Guccini. Ma forse la più incredibile delle narrazioni popolari si conservava ancora in un archivio di fine settecento. Si parla in questo testo di boschi ricoperti di muschi e felci per gran parte dell’anno; boschi che rivelano delle cavità e dei cunicoli che portano a mondi abitati da nani del sottosuolo, sempre rimanendo in tema di antica cultura norrena.

    All’interno delle abitazioni, dalle sale dei camini, si sente ancora il profumo dei necci e dei diversi dolci di farina di castagne, segno della vicinanza della Garfagnana. Davanti ai nostri occhi si stagliano invece le cascate di acqua limpidissima che con balzi di diverse decine di metri si gettano dentro alcune pozze color smeraldo. Il bosco ci riserva, da parte sua, l’odore dei funghi, specialmente nel periodo estivo, sempre sullo sfondo sonoro di uno scroscio potente e generoso.

    HIGHLIGHTS:

    Mulino e cascata di Nazzareno, Mulino e Cascata di Lazzareno, Antico Ponte di Pietra del Nibbio, Percorso botanico e agroforestale: dai castagni secolari alle faggete.


    INFO

    LUNGHEZZA ESCURSIONE: 9.5 Km circa


    DISLIVELLO: circa 550 metri in salita


    LIVELLO DI DIFFICOLTA': FACILE


    ABILITA': ESORDIENTI


    GUIDA: RICCARDO

    GIOVANI GREEN TROTTER:
    Bambini sotto agli 8 anni non possono partecipare.
    I bambini tra gli 8 e i 12 anni NON possono partecipare.

    Bambini sopra i 12 anni possono sempre partecipare.

    COMPAGNI DI VIAGGIO
    I nostri amici a 4 zampe possono partecipare.

    CIBO: A SACCO


    APPUNTAMENTI:
    Bologna: ore 08:00
    Molino del Pallone: ore 09:30

    RIENTRO: Rientro previsto alle macchine intorno alle ore 15:00. Successivamente rientro al proprio domicilio.

    ORGANIZZAZIONE

    ATTREZZATURA NECESSARIA:

    SCARPE TREKKING ALTE
    K-WAY
    TORCIA
    GUANTI
    CAPPELLO
    CREMA SOLARE
    ACQUA

    LA QUOTA COMPRENDE:

    Organizzazione.
    Coordinamento.
    Conduzione delle attività.
    Accompagnamento con Guida Ambientale Escursionistica abilitata ai sensi della L.R. 86/2016 e successive modifiche.

    LA QUOTA NON COMPRENDE:

    I costi per i trasferimenti verranno equamente suddivisi tra i passeggeri di ogni macchina. Andare a Zonzo non interviene in nessun modo nella composizione delle auto, lasciando ai partecipanti la scelta di condividere o non condividere il viaggio con altri. I costi per i trasferimenti stimati per la tratta a/r dal punto di partenza cittadino al punto di partenza del trekking sono di circa 10 € da dividere tra i componenti di ogni auto (fonte: viamichelin). Questa indicazione vi permette di avere un riferimento per condividere i costi benzina con gli altri componenti della vostra auto.
    Tutto quello che non è specificato nella voce "La quota comprende".

    SPOSTAMENTI:
    Sarà possibile partecipare anche per chi non ha la macchina; è sufficiente che sia in grado di raggiungere autonomamente il punto di incontro indicato in fase di acquisto. Chi preferisce raggiungere autonomamente il luogo di partenza del trekking, potrà indicarlo in fase di acquisto.
    Il luogo e l'orario esatti di incontro verranno comunicati esclusivamente tramite email indicata in fase di prenotazione. Si ricorda di controllare lo spam.


    Prima di iscriverti, consulta le Penali di Cancellazione


    Andare a Zonzo si riserva il diritto di modificare l'itinerario, anche sul momento, nel caso che la guida valuti che non ci siano le condizioni perfette per la sua realizzazione e l'incolumità dei partecipanti.


    NON HAI TROVATO RISPOSTA AI TUOI DUBBI? PROVA QUI


    Non è il trekking che fa per te? Prova a vedere questi!
    Torna su